La guerra semantica « Bugie dalle gambe lunghe
browsernik
Media_httpbugiedalleg_jeiqb

Il Ministero dell’Informazione dell’Autorità Palestinese (PA) ha pubblicato un libro di istruzioni per arabi palestinesi circa le parole che dovrebbero essere usare per contrastare “la diffusione israeliana e americana dei termini avvelenati”.

Gli arabi palestinesi sono incoraggiati ad utilizzare termini che indicano Israele come il risultato di “uno sforzo razzista, colonialista “, e il libro li istruisce a non usare mai il nome “Israele” da solo, ma invece usare il termine “colonialismo israeliano.” Utilizzare “Israele” da solo è dannoso, secondo la PA, perché farlo “descrive Israele come uno stato naturale.”

Mentre la maggior parte dei termini ingannevoli impiegati non sono una novità – il libro mette in evidenza l’approvazione ufficiale e l’accettazione della PA dell’uso di tali termini nella guerra semantica che è in corso negli ultimi 130 anni – a fianco del conflitto reale tra ebrei e arabi . Ad esempio – l’uso del termine “West Bank” è stato introdotto dalla Giordania nel 1950, per sostituire i nomi biblici “Giudea e Samaria” – i nomi che erano stati utilizzati nel corso dei secoli e dalle autorità del Mandato Britannico nel 1948. Questo cambiamento di nome è stato uno strumento di propaganda efficace, nel tentativo di cancellare ogni legame fra gli ebrei ed il loro diritto a queste terre, dopo che furono occupate dalla Giordania, durante la guerra d’indipendenza del 1948, e successivamente perdute dalla Giordania a vantaggio di Israele, nella Guerra dei Sei Giorni del 1967

Analogamente, l’uso del termine “combattente per la libertà” invece del termine “terrorista” ha avuto un impatto sul modo in cui il conflitto arabo-ebraico è stato percepito. Descrivere il conflitto come “arabo-israeliano” o “israelo-palestinese” suggerisce che esso sia iniziato nel 1948, ignorando completamente le tappe importanti sul piano giuridico e storico che avevano avuto luogo nei 30 anni precedenti.

Incoraggiare l’uso delle parole “razzista e apartheid” contemporaneamente alla parola “Israele”, o le parole “furto della terra” al posto di “terre statali o terre desolate”, -contribuisce all’immagine povera e negativa di Israele, il piccola Paese che ogni giorno stupisce il mondo con le sue scoperte scientifiche, agricole, mediche e intellettuali.

Questi termini scelti accuratamente e costantemente utilizzati hanno avuto notevole successo nell’allineare i paesi di tutto il mondo nel sostegno alla creazione di un nuovo stato esclusivamente arabo, fra Israele e la Giordania, per la prima volta nella storia. Non è un’impresa da poco.

Questa guerra semantica è stata uno dei principali ostacoli per la risoluzione del conflitto. Quando entrambe le parti utilizzano termini diversi per parlare del conflitto, qualsiasi tentativo di pervenire a decisioni significative nella sua risoluzione è destinata a fallire, finché non cominceranno a parlarne usando lo stesso linguaggio.

E ‘giusto dire che in questo strappo semantico della guerra – il Popolo del Libro è stato superato in astuzia linguistica dai successori degli autori delle Mille e una notte.

Posted via email from cybernik's posterous


I miei tweet
browsernik
Read more...Collapse )</lj
Tags:

Un nuovo minerale venuto dallo Spazio - Wired.it
browsernik
Condé Nast

©Edizioni Condé Nast S.p.A. - P.zza Castello 27 - 20121

Milano CAP.SOC. 2.700.000 EURO I.V. C.F e P.IVA - REG.IMPRESE TRIB. MILANO N. 00834980153

SOCIETÀ CON SOCIO UNICO

Deve il nome a Pangu, il primo essere vivente secondo la mitologia cinese. È la panguite, un minerale nuovo alla scienza ma antico di più di 4,5 miliardi di anni, che i ricercatori del California Institute of Technology hanno trovato nascosto nei frammenti del meteorite Allende precipitati in Messico nel 1969 e di cui descrivono struttura e composizione su American Mineralogist.

Gli scienziati hanno usato un microscopio a scansione elettronica per individuare la panguite che era nascosta in una cosiddetta inclusione ultra-refrattaria. In queste inclusioni i minerali vengono intrappolati dentro un meteorite man mano che questo si forma. Sofisticate analisi di laboratorio hanno poi rivelato la composizione chimica e la struttura cristallina della panguite che, secondo Chi Ma, leader dello studio, potrebbero portare alla produzione di nuovi materiali.

“ È un minerale completamente nuovo alla scienza”, ha spiegato Ma, a LiveScience: “ Finora non era mai stato scoperto in natura o creato in laboratorio”.

Il nuovo arrivato è un diossido di titanio, ma, come fa notare Wired.com, il suo nome chimico (Ti 4+,Sc,Al,Mg,Zr,Ca) 1.8O 3, rivela che contiene sia alcuni elementi familiari come ossigeno, magnesio e alluminio sia alcuni più esotici come lo scandio e lo zirconio. Quest'ultimo è un elemento studiato dagli scienziati che indagano la formazione del Sistema Solare. Lo stesso periodo in cui i ricercatori statunitensi pensano risalga il minerale da loro trovato. Infatti, la panguite è uno dei cosiddetti minerali refrattari che possono essersi formati solo in quelle condizione estreme.

Del resto anche il nome, approvato dall' Associazione mineralogica internazionale, è legato al concetto della creazione del mondo. Secondo la leggenda, infatti, Pangu avrebbe diviso lo Yin e lo Yang dando origine in questo modo al cielo e alla terra.

Allende è una delle più grandi tra le cosiddette condriti carbonacee, meteoriti primitivi che si sarebbero staccati dalla superficie primordiale dei pianeti. La maggior parte dei meteoriti trovati sulla Terra, oltre l'80 per cento, appartiene a questo gruppo. In particolare Allende sarebbe arrivato nel cielo del Messico direttamente dalla cintura di asteroidi che si trova tra Marte e Giove, e dal 2007 a oggi il team del Caltech vi ha scoperto ben nove materiali, panguite compresa.

(Credit per la foto: Chi Ma/Caltech)

Posted via email from cybernik's posterous


Parkinson, come diagnosticarlo dalla voce - Wired.it
browsernik

Parkinson, come diagnosticarlo dalla voce - Wired.it
browsernik

?

Log in

No account? Create an account